Pirelli racconta 100 anni di pubblicità

Pirelli ha scelto di aprire il suo archivio storico, cogliendo dunque la migliore occasione per raccontare 100 anni di pubblicità del noto brand (fino ai primi degli anni ’70). Un progetto che si preannuncia essere di grandissimo appeal, soprattutto per i più giovani, che potranno toccare con mano alcune pietre miliari della storia del marketing aziendale.

“La storia di un’azienda non si deve tenere dentro ai cassetti” – ha spiegato Alessia Magistroni, direttore della Fondazione Pirelli e responsabile Progetti e attività della direzione cultura Pirelli, sulle pagine del quotidiano Italia Oggi, per poi precisare che – “comunicare attraverso un archivio è di per sé una bella sfida e anche qualcosa di molto attuale: tanti marchi usano l’arte per raccontarsi e riscoprono tecniche del passato nel digitale. I social poi sono un volano incredibile».

Ed effettivamente, almeno a guardare i tanti progetti che hanno costituito una scalata verso il successo del gruppo guidato da Marco Tronchetti Provera, gli esempi di interesse non mancano: sia sufficiente riferirsi ai bozzetti di fine 800 sulla fabbrica di soprabiti o alle prime pubblicità sugli pneumatici. Pubblicità che oggi possono apparire rudimentali, realizzate con un budget minimale rispetto al fatturato, e che hanno poi rappresentato l’apripista di una seconda fase di esplosione commerciale, iniziata dopo il 1904, quando con gli pneumatici Pirelli è stata vinta la Roma-Pechino ed è comparso il marchio con la nota P allungata.

Da quel momento, tanti talenti hanno arricchito le strategie pubblicitarie di Pirelli? Qualche nome, ricordato da Italia Oggi: “Alessandro Mendini, per esempio, era un designer alle prime armi, Lora Lamm una giovane illustratrice quando raccontava il lifestyle italiano su una Vespa, mentre Bruno Munari era alla divisione giocattoli Pirelli mentre disegnava bozzetti”.

Tutte ragioni, quelle di cui sopra, che servono a comprendere, ancora una volta, come la storia della pubblicità Pirelli sia una parte fondamentale della storia della grafica e della pubblicità d’Italia, e non solo. Per questo motivo l’azienda sta presentando con orgoglio tale iniziativa, smentendo – nel contempo – qualsiasi collaborazione con The Conran Shop, che ha ha riprodotto per l’iniziativa Conran Italia due campagne pubblicitarie di Pirelli e Alitalia per promuovere il Belpaese all’ombra del Big Ben.

Per gli interessati, dunque, non resta che avvicinarsi presso la struttura che ospiterà le produzioni pubblicitarie Pirelli. Considerata la valenza di quanto creato e di quanto proposto, non rimane che fare pazientemente la fila per ammirare le grandi opere di una grande azienda.

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply